Guide

Come Mantenersi Attivi in Autunno

Luca No Comments

Con l’arrivo dell’autunno può capitare che proprio l’attività fisica venga messa da parte. Da un lato la ragione di ciò risiede nel fatto che fa buio prima e per chi è abituato a correre al parco alla sera dopo le sette, la scarsa illuminazione, il sole che ormai è del tutto scomparso lasciando spazio al manto di stelle possono indurre a lasciare perdere, per questioni di incolumità. In altri casi è la mancanza di tempo a essere un deterrente all’attività fisica. Infatti in autunno si ritorna a scuola, si torna a lavoro e il tempo libero per forza di cose si riduce.

Ma come fare per non cadere nella inoperosità? Come fare per non rimanere nella sedentarietà? L’attività fisica è molto importante per sciogliere le tensioni che potrebbero essere presenti in questo periodo dell’anno. Vediamo alcuni consigli.

Iscriversi in palestra
Una delle soluzioni per ovviare al fatto che il sole tramonta prima è quello di iscriversi in palestra. Lì si potrà scegliere l’attività più congeniale alle proprie esigenze e ai propri limiti.

Passeggiare nei boschi
Non serve distruggersi di attività fisica. Anche una semplice passeggiata può essere utile per ritrovare il benessere. Di certo, questa attività può essere svolta più agevolmente nel fine settimana. Ma i suoi benefici possono perdurare a lungo. L’autunno è una stagione magica, i colori sono caldi, le temperature sono miti e piacevoli, la natura si prepara al riposo invernale.

Comprare un DVD di esercizi da fare in casa
Si può svolgere l’attività fisica anche in casa con i dovuti accorgimenti. Si può ad esempio acquistare un DVD di esercizi da svolgere in casa in una stanza della casa ben arieggiata e sgombra dai mobili. Oppure dato che in autunno spesso ripartono le trasmissioni televisive a cui siamo affezionati, si può svolgere un po’ di cyclette mentre si guarda la televisione.

Motivi per Allenarsi all’Aperto

Luca No Comments

Praticare l’attività fisica fa bene alla salute, ma lo fa ancora di più se ci si allena all’aperto. Che sia un parco cittadino, un campo da corsa, un giardino, una via di campagna, una strada urbana, non importa. Ciò che conta è allenarsi alla luce del sole. C’è molta differenza tra praticare attività fisica indoor, in una palestra sopra un tapis roulant senza meta o in casa e farlo outdoor. Vediamo perché ci si dovrebbe allenare all’aperto.

Ci si allena con più voglia e meglio
A volte quando ci si allena al chiuso si può sentire una fatica che spinge a interrompere prima l’allenamento o a svolgere gli esercizi controvoglia. Invece, quando si pratica l’attività fisica fuori, si tende a esercitarsi con più voglia e per questo meglio. L’allenamento svolto all’esterno dura più a lungo e si sente meno la fatica.

Si stimola la sintesi della vitamina D
Allenarsi all’esterno permette di rimanere esposti alla luce del sole per più tempo. Questo favorisce la sintesi della vitamina D. Infatti una delle tappe del processo di biosintesi endogena richiede proprio l’esposizione al sole e l’intervento della radiazione luminosa.

Si risparmia
È chiaro che allenarsi all’esterno è totalmente gratuito. L’abbonamento in palestra ha un costo che può essere evitato.

L’umore migliora
Il sole, l’aria aperta, gli alberi e le piante, se vi allenate in un parco o in una zona di campagna, possono risollevare l’umore, farvi sentire meglio e distrarvi dai pensieri negativi.

Si fa amicizia
L’allenamento all’aperto reca in sé anche il desiderio di apertura relazionale. Così si può cogliere l’occasione per fare amicizia con le persone che praticano sport nello stesso posto in cui andate.

Si bruciano più calorie
Data la piacevolezza dell’allenarsi all’aperto, sovente si è spinti a perpetrare l’attività e in questo modo si bruciano più calorie.

Come Diventare Dipendenti dall’Esercizio Fisico

Luca No Comments

La dipendenza da qualunque cosa è malsana, ma ne esiste una che, invece, fa estremamente bene alla salute: si tratta della dipendenza dall’attività fisica. È una sensazione che conosce bene chi frequenta le palestre con costanza o chi svolge un’attività sportiva da tempo. Praticare uno sport, o una qualsiasi disciplina motoria, con costanza provoca un’intensa sensazione di benessere e pace. Difficile non sentirne la mancanza nei periodi di stasi.

Ma come riuscire a diventare dipendenti dall’esercizio fisico?

Vediamo insieme alcuni trucchi.
Svegliarsi presto la mattina
La mattina è il momento ideale per svolgere i propri esercizi. Una ricerca dell’Università del North Texas ha rivelato che coloro che si allenano al mattino sono più propensi a divenire costanti nella pratica, rispetto a coloro che lo fanno nel corso della giornata.

Datevi il giusto tempo
Si dice che servano sei settimane, ossia 21 giorni, di pratica per far sì che una qualsiasi attività diventi un’abitudine. Probabilmente, nel caso dell’esercizio fisico, la ragione di ciò è correlata al vedersi più in forma: dopo sei settimane, infatti, cominciano a essere visibili i risultati delle precedenti fatiche muscolari. Questa gratificazione porta a non volere più tornare indietro e a mantenere ne tempo quella pratica motoria.

Trovate l’attività giusta per voi
Leggendo il programma delle attività sportive della vostra palestra, potreste essere colti da un’improvvisa confusione. Nomi di discipline mai sentite prima balzeranno alla vostra vista, Thai fit, Power jump, Cross fit ed altri. Non tutte le attività fanno per voi. Quello che occorre fare è provare, per capire qual è la dimensione che fa per voi, quella che vi fa effettivamente stare meglio.

Fatevi guidare
Se non avete idea di come ci si alleni, se l’ultima volta che avete messo piede in palestra risale a parecchie ere geologiche fa, o semplicemente se non siete proprio degli esperti, chiedete aiuto all’istruttore in sala fitness. Lui potrà dirvi come compiere in maniera corretta gli esercizi e potrà fornirvi la giusta motivazione.

Prodotti per la Bellezza Presenti in Cucina

Luca No Comments

Curare la bellezza della propria pelle senza spendere un intero stipendio è possibile e anche semplice. Basta andare in cucina e servirsi. Tonificanti, detergenti ed esfolianti sono lì a portata di mano, sui ripiani della vostra cucina, in frigo e sugli scaffali della dispensa.

Vediamo i quattro principali ingredienti di bellezza.

Tè verde
Questa sostanza ha effetti benefici per la pelle. È ideale per coloro che soffrono di rosacea e psoriasi. Ma non solo. È adatta anche per contrastare l’insorgenza delle rughe. Ma come utilizzarla? È possibile applicare le bustine di tè, precedentemente immerse in acqua calda e lasciate raffreddare, direttamente sulla pelle, ad esempio sotto gli occhi per sgonfiare le borse da stanchezza. Oppure potete preparare la bevanda e lasciarla raffreddare, inumidire un batuffolo col tè e tamponare il viso come fareste con un toner.

Miele
È ideale per la pelle secca e per il trattamento di ferite e ustioni. Il miele infatti permette alle ferite di guarire più in fretta, riducendo l’infiammazione. Stimola inoltre la riepitelizzazione delle lesioni sulla pelle. Si può applicare sulla pelle asciutta, lasciare agire per mezz’ora e poi risciacquare.

Zucchero di canna
Lo zucchero è una fonte naturale di acido glicolico, ideale per i processi di esfoliamento della pelle. Usare lo zucchero di canna con l’olio di jojoba permette di creare una crema esfoliante delicata, adatta a rimuovere le cellule morte del viso.

Latte di soia
Migliora l’elasticità della pelle, idratandola e equilibrando la produzione di sebo. Può essere unito al burro di karitè, all’amido di mais e all’olio di soia per creare una crema ricca per reidratare il corpo.

Perchè Scegliere il Cotone Biologico

Luca No Comments

Tra i giovani, e non solo, sempre più consumatori scelgono di acquistare indumenti in cotone biologico. Le ragioni di questa scelta sono molteplici e fanno riferimento a una serie di vantaggi che riguardano questo materiale. Vediamoli insieme.

Vantaggi ambientali. Le coltivazioni biologiche non implicano l’uso di pesticidi, erbicidi e fertilizzanti di sintesi. Proprio per questo motivo, l’ambiente viene meno inquinato.

Il suolo non accumula sostanze artificiali, così come le falde acquifere. Sono impiegati metodi di rotazione delle coltivazioni che permettano al terreno di recuperare naturalmente la sua fertilità. I concimi impiegati sono biocompatibili. I pesticidi spesso contemplano l’utilizzo di sistemi biologici di difesa delle piante, come ad esempio l’inserimento di insetti che si nutrano dei parassiti naturali delle piante. Tutto questo si traduce in un maggiore rispetto dell’ambiente.

Vantaggi per la persona. Altro vantaggio è quello di proteggere maggiormente i consumatori. Infatti, il cotone prodotto non presenta sostanze chimiche di sintesi residue e quindi risulta essere incontaminato e più sicuro. Tra i genitori è sempre più diffusa la tendenza all’acquisto di capi in cotone biologico per i loro bambini. Non solo indumenti, ma anche i pannolini possono essere acquistati in cotone biologico. È opinione diffusa che il cotone bio sia più morbido del cotone tradizionale e meno incline a determinare lo sviluppo di allergie e problemi respiratori nei bambini. Per gli adulti possono essere acquistati in cotone biologico gli accappatoi, i reggiseni, i materassi e le lenzuola, quindi non solo capi di abbigliamento. Anche per i produttori di cotone biologico, la qualità di vita è notevolmente migliorata. Infatti gli addetti ai lavori sono meno esposti a sostanze chimiche che possono danneggiare la loro salute.